777 Partners-Genoa, trattativa entra nel vivo ma ora c’è il Napoli e senza emissari

777 Partners-Genoa, trattativa entra nel vivo ma ora c’è il Napoli e senza emissari

La trattativa per la cessione del Genoa è destinata ad entrare nel vivo la prossima settimana. Ci giungono voci di improvvise accelerazioni per le firme, ma al momento non abbiamo ancora conferme. Certo è che con la fine del mercato il presidente Preziosi incontrerà gli aspiranti compratori per compiere un passo decisivo verso la fumata bianca. Il patto di riservatezza ha blindato la fuga di notizie e ora che siamo in dirittura d’arrivo restano da definire gli accordi più importanti, fin qui raggiunti solo in maniera informale. Ci riferiamo alla valutazione della società e alla buonuscita dell’attuale proprietario, da mettere ancora nero su bianco.

777 Partners il fondo interessato al Genoa

Ulteriori indizi e informazioni portano a pensare che il fondo americano interessato all’acquisto del club sia 777 Partners. Anche perché nelle settimane scorse sarebbe stato pizzicato nei dintorni di Pegli, Andres Blazquez, il manager facente già parte del consiglio di amministrazione del Siviglia. Salvo sorprese non sarà presente questa sera per Genoa Napoli, così come non dovrebbero esserci altri emissari o rappresentanti del fondo. Almeno questa è la versione ufficiale della società.

In settimana, in ogni caso, venditore e acquirente avranno un bel lavoro da fare per capire eventualmente come sviluppare l’ingresso dei nuovi proprietari nel club: se in forma graduale o se in forma piena fin da subito, con l’acquisto della maggioranza. Sui giornali, intanto, spuntano alcune personalità del mondo del calcio che potrebbero essere coinvolte nell’operazione, nei ruoli dirigenziali. C’è il nome di Sean Sogliano, ma non solo.

Parola che però torna al campo dato che tra poche ore il Genoa se la vedrà in casa col Napoli e dopo l’umiliazione subita a San Siro alla prima giornata, Ballardini cercherà di mettere in campo un Grifone perlomeno più battagliero. La squadra sarà la stessa di Milano, nettamente indebolita e sostanzialmente senza acquisti, ma questa sfida dovrebbe essere l’ultima in condizioni a dir poco precarie.

Pubblicato da Jacopo D'Antuono

Professionista nel campo dell'informazione e della comunicazione. Ha collaborato con IlGiornale.it e Blasting News Italia. Attualmente scrive per IlSussidiario.net e cura il sito lavocerossoblu.com. E' co-fondatore di Very Social, brand di servizi specializzato in Social Media Marketing.