Cagliari Genoa la cura perfetta per chi soffre di insonnia. Nel risultato il peccato mortale del mercato.

Cagliari Genoa la cura perfetta per chi soffre di insonnia. Nel risultato il peccato mortale del mercato.

Diciamolo chiaramente: una partita di burraco sarebbe stata più appassionante. Senza Retegui il risultato di Cagliari Genoa era già scritto.

Ci siamo annoiati, quasi addormentati. E alla fine il Genoa ha pure perso. Di sicuro la partita col Cagliari è stata la cura definitiva per chi soffre di insonnia. Della partita non ci sarebbe moltissimo da raccontare, quasi niente se non ci fossero stati tre gol. Senza girarci intorno possiamo tranquillamente dire che il problema del Genoa è soltanto uno: non ha una punta di riserva e quando manca Retegui sono dolori. E’ un vero peccato perché, nonostante tutto, il Genoa ha una base discreta per una salvezza tranquilla. Ma non può fare a meno del suo attaccante titolare e soprattutto non è competitivo quando viene a mancare.

Senza riferimenti offensivi di ruolo il grifone perde gran parte del suo potenziale, ma è comunque più vivo rispetto a quando si ritrova costretto a schierare Ekuban e Puscas. Inutile sparare sulla croce rossa, si sapeva che i due attaccanti non sarebbero stati all’altezza della Serie A. Lo abbiamo detto a fine mercato, quando ci auguravamo tanta salute a Retegui. Ora che l’argentino è fuori la preoccupazione sale. Non è chiaro quando rientrerà, ma molto probabilmente non sarà a disposizione nemmeno contro il Verona. Bisogna incrociare le dita e augurarsi che torni presto. Nel frattempo Gilardino dovrà trovare soluzioni alternative, per evitare il pericolo di lasciare altri punti per strada contro dirette concorrenti.

 

Pubblicato da Jacopo D'Antuono

Genoano dal 1990. Scrive e collabora con alcune delle più importanti testate giornalistiche italiane, tv e radio. Alla guida de lavocerossoblu.com dal 2018. Cinico e disilluso, eppure sogna ancora la stella.