Callegari sotto la lanterna in punta di piedi: tra Motta e Verratti il talento dei parigini vuole splendere col Genoa

Callegari sotto la lanterna in punta di piedi: tra Motta e Verratti il talento dei parigini vuole splendere col Genoa

Qualità e talento per il centrocampo del Genoa, Lorenzo Callegari vuole dimostrare le sue capacità in Italia.

Lorenzo Callegari, centrocampista

Callegari al Genoa è tutto fatto. Il gioiello del Paris Saint Germain è pronto a giocarsi le sue carte nel campionato italiano, con la maglia del club più antico della Serie A. Una chiamata irrinunciabile per il centrocampista, chiuso da grandi colossi a Parigi. Lorenzo Callegari si sente pronto, ma approccia alla massima serie con grande umiltà e voglia di imparare. I paragoni con Verratti non sembrano rallegrarlo, vuole essere semplicemente Lorenzo, con pregi e difetti. «Non voglio entrare nel gioco dei paragoni – ha detto a La Gazzetta dello Sport – perché ognuno ha percorsi e caratteristiche diverse. E poi devo ancora dimostrare tutto il mio potenziale. Meglio restare con i piedi per terra e lavorare duro. Al resto non ci faccio caso». Sulle caratteristiche tecniche, Callegari si presenta come un giocatore duttile: «Gioco per la squadra, me lo impone il ruolo che prediligo davanti alla difesa. Da regista penso di poter offrire molte soluzioni, anche se posso giocare senza problemi da mezzala. Mi piace gestire il pallone, ma per me l’importante è mettermi a disposizione dei compagni, sentire la loro fiducia e ricambiarla». Grande entusiasmo per la nuova avventura al Genoa, certo di poter mettere in difficoltà mister Ballardini ma consapevole di non aver una maglia da titolare assicurata: «Devo convincere l’allenatore di meritare un posto in squadra, poi è logico che sarebbe speciale giocare il derby contro la Sampdoria, sentire la passione dei tifosi. Ho scelto la Serie A e il Genoa anche per questo». Verratti e Motta due ottimi modelli per imparare, la nazionale azzurra un sogno da realizzare senza fretta: «E’ davvero presto per parlarne, comunque sarebbe un onore portare la maglia azzurra».

Pubblicato da Jacopo D'Antuono

Professionista nel campo dell'informazione e della comunicazione. Ha collaborato con IlGiornale.it e Blasting News Italia. Attualmente scrive per IlSussidiario.net e cura il sito lavocerossoblu.com. E' co-fondatore di Very Social, brand di servizi specializzato in Social Media Marketing.