Da Salerno: Colantuono salta se non vince. Formazione Genoa: novità in vista

Da Salerno: Colantuono salta se non vince. Formazione Genoa: novità in vista

Si avvicina la partita della vita per Genoa e Salernitana. Nessuna delle due può sbagliare. Questo significa che c’è un solo risultato possibile per continuare a sperare. Vale per entrambe. Un pareggio, in questo caso, sarebbe un passo falso sia per il Grifone che per i campani. Ecco perché è attesa vera battaglia al Ferraris, dove si va verso il pienone con i quindicimila biglietti disponibili che potrebbero esaurirsi a breve. Gradinata Nord quasi a tappo, qualche disponibilità negli altri settore, mentre la ‘Gabbia’ è già gremita.

Segno tangibile del fatto che la partita è sentitissima e che in palio ci sono punti pesanti. Da Salerno si rincorrono le voci su un possibile cambio in panchina se Colantuono non dovesse centrare i tre punti. Circolano già i nomi di alcuni sostituti, come a dire che anche la Salernitana, come il Genoa, ha solo un risultato utile: vincere. Sul fronte rossoblu, in settimana Blessin ha blindato i suoi, cercando di isolarli da una situazione disperata.

I due punticini ottenuti sotto la sua gestione sono straordinari per come sono arrivati, ma il problema resta la classifica quasi compromessa dalla gestione Shevchenko. Di sicuro ci saranno delle novità in formazione, dato che mancheranno all’appello Ositgard e Bani. Probabile l’impiego dal primo minuto di Maksimovic, ma anche Criscito e Rovella sono nuovamente a disposizione. Nel gruppo si respira aria da battaglia. Il nuovo Genoa vuole credere nella missione impossibile e restare aggrappato al treno salvezza fino alla fine.

Il momento è drammatico, sportivamente parlando. Il futuro del Grifone è in bilico e nel bel pieno di una stagione maledetta occorre solo vincere. Vincere per tornare a sperare. Attenzione, però, perché non sarà facile. Al di là delle motivazioni anche la Salernitana ha frecce pericolose al suo arco: dall’ex Diego Perotti al nuovo arrivato Verdi, passando per il campione senza età Ribery. Insomma sarà una partita per cuori forti. 

Pubblicato da Jacopo D'Antuono

Professionista dell'informazione e della comunicazione online. Ha collaborato con IlGiornale.it e Blasting News Italia; attualmente scrive per IlSussidiario.net e cura il sito lavocerossoblu.com. Consulente e docente di Digital Marketing.