Fondo USA-Genoa, solo una battuta sul possibile acquisto del club: “ne riparleremo”

I potenziali acquirenti del Genoa gettano acqua sul fuoco, ora che il loro nome è diventato di dominio pubblico. 777 Partners è con ogni probabilità il fondo di investimento americano che sta trattando l’acquisto del club più antico di Italia. Non ci possono essere novità di rilievo sulle contrattazioni, fintanto che il calciomercato non sarà chiuso. Scriviamo da giorni, fin dalle primissime indiscrezioni, che le parti si incontreranno a fine mercato per fare il punto della situazione. E così sarà.

Genoa, Preziosi torna ad investire. E gli americani…

Già fatta l’analisi dei conti, ora Preziosi e il fondo di investimento USA devono mettere nero su bianco le cifre dell’operazione e valutare le modalità di ingresso in società degli acquirenti. Tutti nodi da sciogliere con la fine del mercato, quando anche la valutazione del parco giocatori rossoblu sarà più chiara. A giudicare dagli ultimi colpi in entrata, il livello della rosa è lievitato da un punto di vista economico. Sorprende non poco l’iniezione di liquidità nelle casse rossoblu, specialmente se pensiamo che fino a pochi giorni prima la parola d’ordine era austerity. Riflessioni che abbiamo già condiviso su queste pagine e che trovano conferme su più fronti.

Possibile che il presidente Preziosi sia tornato improvvisamente ad investire cifre pesanti? Molto probabilmente c’è altro dietro, forse qualcun altro, o quantomeno accordi con il fondo pronto a subentrare. Siamo nel campo delle ipotesi e l’attesa spasmodica della tifoseria sta influenzando non poco gli umori di tutto l’ambiente. Anche per questo motivo il referente del fondo, Andres Blazquez, ha rilasciato dichiarazioni molto caute a Il Secolo XIX sul possibile acquisto della società. “Se accadrà qualcosa di significativo ne riparleremo più avanti”, ha detto. 

Il prossimo passo, dunque, è la chiusura del mercato per una valutazione completa del parco giocatori. Poi la quantificazione esatta dei debiti, a carico del fondo americano, infine la quota da definire destinata alla buonuscita dell’attuale patron. Tutti temi già affrontati in incontri approfonditi e supportati da dati piuttosto precisi, ma inevitabilmente soggetti a variazioni. Il fatto che tutto sia stato fatto seriamente non significa infatti che l’operazione sia semplice e di sicura conclusione.

Pubblicato da Jacopo D'Antuono

Professionista nel campo dell'informazione e della comunicazione. Ha collaborato con IlGiornale.it e Blasting News Italia. Attualmente scrive per IlSussidiario.net e cura il sito lavocerossoblu.com. E' co-fondatore di Very Social, brand di servizi specializzato in Social Media Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.