Genoa, avanti tutta con Retegui. Ecco perché sarebbe folle metterlo sul mercato ora

Genoa, avanti tutta con Retegui. Ecco perché sarebbe folle metterlo sul mercato ora

Mateo Retegui resterà al Genoa la prossima stagione. Una conferma che in realtà non è mai stata seriamente messa in discussione, considerando che solo un anno fa la società ha investito quasi quindici milioni di euro per assicurarsi l’attaccante.

Da Mateo ci si aspettava di più, è chiaro. Molti lo hanno accolto come un re, fondamentalmente senza che avesse ancora dimostrato nulla. E ora, come spesso succede, gli stessi vorrebbero vederlo con le valigie pronte in favore di un altro centravanti.

Non andrà così, molto probabilmente. Sarebbe finanziariamente folle metterlo sul mercato e rinnegare un investimento così importante. Gila è pronto ad accettare la scommessa, vuole portarlo in doppia cifra e fargli fare quel salto in avanti che gioverebbe a tutti.

L’obiettivo del Grifone, in fondo, è quello di portare Retegui alla massima espressione, per poi magari un domani incassare una plusvalenza.

Il Genoa ha scommesso tanto su questo ragazzo ed è chiaro che non possa vacillare dopo una sola stagione al di sotto delle aspettative, considerando anche che è stato messo a dura prova da piccoli infortuni e che, prima di arrivare in Italia dall’Argentina, non ha avuto modo di ricaricare le pile.

La strada, dunque, è tracciata, e sotto l’ala sapiente del mister può fare meglio. “La volontà è di cercare di mettere il nostro attaccante nelle condizioni migliori”, aveva detto Gilardino a DAZN parlando di Retegui, spiegando che “ha margini di miglioramento incredibili e voglia di migliorare, può crescere tanto spalle alla porta e nel primo controllo“.

Pubblicato da Jacopo D'Antuono

Genoano dal 1990. Scrive e collabora con alcune delle più importanti testate giornalistiche italiane, tv e radio. Alla guida de lavocerossoblu.com dal 2018. Cinico e disilluso, eppure sogna ancora la stella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *