Il piano multi-milionario di 777 Partners: “scudetto e stadio, tornerà la gloria”

Il piano multi-milionario di 777 Partners: “scudetto e stadio, tornerà la gloria”

Il Genoa modello USA fa già sognare i tifosi. 777 Partners non si nasconde, pensa in grande e prospetta con toni entusiastici piani ambiziosi per il club più antico di Italia. Gli americani hanno subito teso la mano ai tifosi, omaggiandoli con undicimila biglietti gratis per la partita di domani sera, sabato 25 settembre, contro il Verona.

Andres Blazquez, Josh Wander e Juan Arciniegas hanno poi rassicurato sul fatto che gli sforzi e gli investimenti sportivi del fondo saranno concentrati quasi unicamente sul Genoa: “ogni nostro progetto è serio, Siviglia e Genoa sono due cose completamente diverse. Il nostro sforzo si concentrerà qui, dove è passato troppo tempo dall’ultimo scudetto”.

Josh Wander fa trapelare non poche emozioni con l’ingresso ufficiale di 777 Partners nel calcio italiano, definisce il Genoa un pilastro portante della Serie A e la voglia di riportarlo al più presto ai vertici: “perché i tifosi sono unici per passione e meritano campionati importanti”.

Nei piani del fondo americano c’è sicuramente l’ammodernamento del Ferraris. I nuovi proprietari interpretano lo stadio come una nuova “casa del Genoa per tanti anni”. Inevitabile la convivenza con la Sampdoria, con cui 777 Partners cercherà di trovare un accordo. Ciò che è certo è che lo stadio rivestirà un ruolo cruciale, per sviluppare attività rivolte a tifosi e ai cittadini: “occorre sfruttarlo al massimo per far crescere il club”, hanno spiegato i rappresentanti del fondo ai media.

Il dado è tratto e la strada tracciata. 777 Partners ha le idee chiare su come sviluppare il potenziale inespresso del Genoa. E tra le prossime mosse ci sarà la nomina del nuovo presidente, genovese e genoano. Non saranno certamente solo questi i passi per rimodellare il Genoa. Ce ne saranno altri.

Ma come detto saggiamente dai nuovi proprietari servirà del tempo e ci vorrà pazienza. 777 Partners punta sul potenziale inespresso del Grifone, sul bacino d’utenza e lo sviluppo del brand anche oltre i confini nazionali.

Tutti tasselli che verranno sistemati strada facendo. L’obiettivo più urgente è quello di instaurare un feeling con la piazza, che ha già risposto con ritrovato entusiasmo all’arrivo della nuova proprietà. Nei prossimi giorni gli americani dovrebbero svelare più dettagliatamente i loro piani, ma le premesse sono davvero ottime.

Pubblicato da Jacopo D'Antuono

Professionista nel campo dell'informazione e della comunicazione. Ha collaborato con IlGiornale.it e Blasting News Italia. Attualmente scrive per IlSussidiario.net e cura il sito lavocerossoblu.com. E' co-fondatore di Very Social, brand di servizi specializzato in Social Media Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.